Direttore responsabile Luigi Barone

De@Terra, imprenditrici premiate

02.12.05
Due imprenditrici socie di Confagricoltura tra le premiate dell'edizione 2005 del riconoscimento bandito dall'Onilfa.

Confagricoltura "sbanca" il Premio De@terra bandito dall'Onilfa, l'Osservatorio sull'imprenditoria femminile del ministero delle Politiche agricole e forestali, giunto alla sua quinta edizione: due le imprenditrici socie dell'Organizzazione premiate e tre le encomiate. Ne dà notizia una nota stampa della Confagricoltura.

Bruna Ferro, astigiana, responsabile delle vendite e delle relazioni esterne nell'azienda vitivinicola di famiglia, attualmente di sua proprietà. "La strategia che adotto è essere me stessa, insieme ad una severa professionalità ed una giusta etica commerciale" - così si è presentata all'Onilfa, che le ha riconosciuto il Premio, informa la nota stampa.

Lisa Greppi, amministratrice e legale rappresentante dell'azienda risicola ereditata dalla famiglia nelle campagne del vercellese. "Coltura e cultura viaggiano insieme nel nostro sacchetto di riso" - sostiene quando descrive l'attenzione posta anche al rispetto dell'ambiente, con la creazione di una confezione di tela riutilizzabile con la quale commercializza il suo prodotto. Con questo spirito e questa determinazione Lisa si è aggiudicata il premio.

Bruna Ferro e Lisa Greppi sono unite dalla convinzione che l'associazionismo abbia un posto di rilievo nel lavoro di imprenditrici. Lisa si è iscritta alla sezione provinciale dell'ANGA, l'associazione dei giovani di Confagricoltura, a soli sedici anni; ne è diventata consigliere, poi vice presidente e ne è stata presidente per due mandati consecutivi. Bruna annovera nel suo curriculum l'appartenenza a numerose organizzazioni associative tra le quali mette al primo posto Confagricoltura.

Bartolomeo Bianchi, componente della giunta esecutiva dell'Organizzazione degli imprenditori, delegato alle politiche femminili, sottolinea con soddisfazione che quest'attivo protagonismo nel mondo associativo è un riscontro positivo del lavoro di Confagricoltura e, più ancora, uno stimolo a rendere il sindacato sempre più utile e vicino ai soci, alle aziende agricole.

Un particolare encomio, annuncia la nota di Confagricoltura, per il rilievo dato, nella conduzione aziendale, al connubio fra tradizione, modernità e cultura, è stato riconosciuto dall'ONILFA a: Eugenia Bruno, giovane socia dell'ANGA, che nell'azienda agrituristica di famiglia, in provincia di Siracusa, si occupa della trasformazione e vendita di marmellate e miele a base di agrumi; Maria Rosalba Ciannamea, di Ostuni, che nell'azienda agrituristica trasforma olio ed agrumi biologici in conserve e confetture e produce un particolare liquore di olio; Stefania Sergiampietri, che una volta andata in pensione dall'insegnamento, ha preso in mano la piccola azienda di famiglia in provincia di Pescara e l'ha trasformata in un agriturismo con coltivazioni biologiche. Produce olio DOP e svolge attività didattica. Ha creato una linea cosmetica a base di olio d'oliva.

"Le donne di Confagricoltura sono creative ed originali - dice Lella Bassignana, alla guida del Coordinamento nazionale di imprenditoria femminile di Confagricoltura - e utilizzano gli strumenti della moderna tecnologia per produrre ed immettere sul mercato prodotti di alta qualità nel rispetto e valorizzazione dell'ambiente, promuovono il concetto di multifunzionalità, realizzandolo nelle imprese da loro gestite e danno un grande valore all'associazionismo; in sostanza, contribuiscono da protagoniste alla crescita economica, sociale e culturale delle aree rurali e del Paese. Questo il chiaro messaggio che scaturisce dal Premio De@terra".