Direttore responsabile Luigi Barone

Natale: 7,5 milioni di famiglie scelgono dolci made in Italy

Immagine principale dell'articolo
12.12.11
Tradizione, freschezza, qualità delle materie prime, cura della lavorazione sono le caratteristiche che, secondo una rilevazione di Confartigianato, fanno preferire al 30% della popolazione italiana i dolci natalizi realizzati da 42.633 pasticcerie e panifici artigiani attivi nel Paese. I più golosi di specialità artigiane legate alle prossime festività si trovano in Lombardia. Seguono la Campania e la Sicilia

Sono 7.468.607 le famiglie italiane che a Natale porteranno in tavola dolci artigiani. E' quanto emerge da un'indagine condotta dall'Osservatorio Ispo-Confartigianato. Tradizione, freschezza, qualità delle materie prime, cura della lavorazione sono le caratteristiche che, secondo la rilevazione di Confartigianato, fanno preferire al 30% della popolazione italiana i dolci natalizi realizzati da 42.633 pasticcerie e panifici artigiani attivi nel Paese. I più golosi di specialità artigiane legate alle prossime festività si trovano in Lombardia, con 1.300.601 famiglie che li prediligono rispetto ai prodotti industriali, e a Milano con 443.906 famiglie orientate su questa scelta. Seguono, a livello regionale, la Campania (695.360 famiglie) e la Sicilia (664.394 famiglie). Nella classifica provinciale, Roma e Napoli si classificano al secondo e terzo posto rispettivamente con 438.799 e 356.224 famiglie che a Natale consumeranno dolci artigiani. Sotto controllo i prezzi di panettoni e pandoro, ma anche delle altre 1.332 specialità tradizionali e tipiche di ciascuna regione italiana. Confartigianato fa rilevare che, nonostante i forti rincari dei costi delle materie prime registrati in quest'ultimo anno (il prezzo dello zucchero è aumentato del 16%, quello della farina del 7,3%, quello del burro del 6,7% e quello delle uova del 3,5%) i pasticcieri artigiani si sono impegnati a contenere gli aumenti al 2,6%, quasi un punto in meno rispetto al 3,4% del tasso di inflazione registrato nello stesso periodo. La passione degli italiani per i prodotti alimentari artigiani dura tutto l'anno e, tra settembre 2010 e settembre 2011, ha contribuito a far aumentare dell'1,4% il numero delle imprese, pari a 1.227 aziende in più. Una crescita che porta a 88.732 le imprese artigiane del settore alimentare, con 260.609 addetti, in cui operano panificatori, pasticcerie, produttori di pasta fresca, laboratori di cioccolato, norcinerie, attività di lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi, produttori di olio e di specialità lattiero-caseari, gelaterie, torrefazioni, produttori di vini, grappe, birre artigianali. Le regioni dove nell'ultimo anno si è registrato il maggiore aumento di imprese artigiane del settore alimentare sono la Lombardia (+4%), seguita dall'Umbria (+ 2,8%), dal Piemonte (+ 2%), dal Veneto (+ 1,9%), dall'Emilia Romagna (+ 1,6%) e dall'Abruzzo (+ 1,5%). A livello provinciale il boom di artigiani specializzati nell'alimentazione si registra a Lodi (+8,8%), Milano (+6,9%), Enna (+6,3%), Monza e Brianza (+5,1%), Pesaro e Urbino (+5%). Ma i dolci della tradizione natalizia made in Italy non piacciono soltanto in Italia. Secondo Confartigianato, tra gennaio e agosto 2011, ne abbiamo esportati per un valore di 224 milioni di euro, con un aumento dell'8,6% rispetto ai primi 8 mesi del 2010. In testa ai Paesi più affezionati alle nostre prelibatezze c'è la Francia, seguita da Germania e Austria. Dall'inizio dell'anno, i nostri cugini d'Oltralpe hanno comprato 50,3 milioni di euro di dolci (pari al 22,4% del nostro export di questo tipo di prodotti). In Germania abbiamo esportato 35,8 milioni di pasticceria (15,9% del totale esportato), mentre in Austria il nostro export di dolci è pari a 16,8 milioni (7,5% del totale). Ed è ancora la Lombardia al vertice della classifica delle regioni italiane che esportano la maggior quantità di prodotti alimentari: nel primo semestre dell'anno da questa regione sono volati nel mondo alimenti per un valore di 1,8 miliardi di euro.

Also in:
Tags: